W la Festa della Mamma

Share

Mi va di iniziare così una riflessione sulla importanza di una festa ormai diventata rituale, ma che di rituale non ha alcunché. Infatti, la seconda domenica di maggio è una riserva infinita di significati che non invecchiano mai perché variano con il variare dei tempi e delle circostanze, dei cambiamenti e delle abitudini.

Ed in questo giorno particolare, sotto i riflettori della contemporaneità, risplende il valore simbolico della maternità inserito all’interno di due realtà, talora contraddittorie, che dobbiamo fare in modo diventino sempre più coincidenti: il ruolo della donna moderna ed il bisogno di crescita demografica delle società occidentali. L’una cosa non può prendere il sopravvento sull’altra ma entrambe debbono diventare lo stimolo per ricercare soluzioni innovative all’interno delle quali la donna trovi facilmente la sua realizzazione.

Sto seguendo con interesse un “movimento” di donne medico, non mi suona bene mediche, impegnate ad immaginare un modello di Ospedale a dimensione di donna. Sono attratto dai loro volti sereni, dalla loro motivazione e dall’orgoglio espresso nella ricerca di momenti felici per se stesse, le loro famiglie ed il contesto lavorativo. Si, una cosa complessa ma certamente rigogliosa, difficile ma possibile. Servono tante iniziative di questo genere perché anche il sorriso diventi uno strumento intorno al quale uomini e donne, insieme, trovino soluzioni di identità e di realizzazione alla luce dei significati di questa magnifica giornata.

Un modo come un altro per immaginare una esistenza sempre più felice. E questo,soprattutto, grazie a chi ha il privilegio di essere mamma.

#auguriatuttelemamme #VittorioSconci #ilfuturosiamonoi #squadra #buondisindaco